Ferrara.press

Tutte le notizie su Ferrara e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Ferrara, Emilia Romagna e dintorni

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Argent, niente autopsia, subito l’addio a Desire Baldi


ARGENTA. Niente autopsia. Il sostituto procuratore ravennate che segue il caso della tragica morte di Desire Baldi ha deciso di non richiedere l’esame autoptico sulla salma della 19enne di Argenta, restituendola alla famiglia, che quindi potrà organizzare il funerale. Mamma “Marisa” e papà Lorenzo hanno già dato incarico a un’impresa di onoranze funebri argentana di occuparsi della loro bambina: i suoi poveri resti, dopo la ricognizione esterna, oggi saranno ricomposti e formalmente riconsegnati ai suoi cari.





Solo oggi verranno ufficializzati data, ora e luogo dell’estremo saluto, che, con tutta probabilità, sarà venerdì. Esequie a cui sono attesi i tanti amici di Desire, sia quelli di Argenta, sia gli ex compagni di scuola dell’istituto d’arte di Ravenna, che la ragazza aveva frequentato fino a un paio d’anni fa.







Non potrà darle quell’ultimo saluto, invece, il suo ragazzo, ancora ricoverato all’ospedale Bufalini di Cesena: il giovane, rimasto ferito nell’incidente di domenica alle 2 sulla statale 16 all’ingresso di Camerlona, dovrà essere sottoposto a un intervento chirurgico al volto e per lui i tempi di recupero non sono tali da consentirgli di allontanarsi così presto dal nosocomio cesenate.





Intanto, ieri i genitori di Desire hanno conferito l’incarico di rappresentarli allo studio di Gabriella Azzalli, noto avvocato nonché consigliere comunale di lungo corso ad Argenta. La legale, pur consapevole delle tempistiche particolarmente celeri della procura della Repubblica ravennate, si aspetta novità fra qualche giorno: «È probabile - diceva ieri - che il magistrato titolare del fascicolo aspetti di ricevere il rapporto dei carabinieri che hanno rilevato l’incidente, per poi affidare la perizia a un esperto».



Atti che verranno trasmessi comunque a stretto giro dai militari della stazione di Mezzano, che procedono per competenza territoriale, attesi anche dalle altre parti coinvolte, su tutte l’amica di Desire che domenica notte era al volante e che è ora indagata per omicidio stradale aggravato dalla guida in stato d’ebbrezza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

 


Ferrara.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza