Ferrara.press

Tutte le notizie su Ferrara e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Ferrara, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Casumaro, al semaforo si accende l’occhio dei fotored


CASUMARO.  Quegli occhi elettronici, veri e propri spauracchi per gli automobilisti indisciplinati, sono installati da quasi un mese. Ma solo ora la loro capacità di monitoraggio implacabile del traffico darà i suoi effetti.



Da lunedì infatti scatta l’attività di accertamento, con la relativa sanzione a carico di chi passa con il rosso al semaforo di via Bondenese, a Casumaro. Quindi meglio fare attenzione e, a scanso di multe, rispettare lo stop.



La sperimentazione. Dei fotored piazzati all’incrocio con le vie Casoni e Falzoni, in entrambe le direttrici di marcia si parla da tempo. Il via libera del consiglio comunale risale al giugno dell’anno scorso, poi un paio di mesi fa è arrivato il via libera della Provincia, un “semaforo verde” indispensabile in quanto è l’ente proprietario della strada, che va sotto il nome di Sp13.



Quindi, dal 7 al 14 giugno gli strumenti automatici sono stati attivati, in forma sperimentale: a scopo di studio statistico, senza verbalizzazioni di alcun tipo. Dopo una fase di disattivazione, che terminerà oggi, i fotored saranno riaccesi.



E lunedì, come detto, possono scattare le multe, nell’arco di tempo che va dalle ore 7 alle 23.



La normativa. Ma come quale sarà la modalità di rilevamento dei dati? Lo determina una nota della Polizia locale di Cento. «Avverrà nei termini di tolleranza raccomandati dalle vigenti circolari in materia, cioè dopo l’avvenuta attivazione della luce rossa al semaforo da un secondo. E ogni ciclo semaforico prevede una durata dell’accensione della luce gialla di cinque secondi», spiega il comandante Fabrizio Balderi.



A quel punto per i trasgressori ci sarà ben poco da fare, al di là della necessità di aprire il portafogli e fare fronte alle conseguenze previste dall’articolo 146 del codice della strada (“Violazione della segnaletica stradale”) che prevedono sanzioni amministrative da 167 a 666 euro, oltre a tagli di punti sulla patente. E per i recidivi si può arrivare anche alla sospensione dalla giuda fino a tre mesi.



Va detto che l’installazione dei fotored fa riferimento a ragioni inerenti alla sicurezza, più volte in passato reclamate dalla cittadinanza: il semaforo, infatti, tutela l’incrocio che porta alle vicine scuole di Casumaro.



Reno Centese e Renazzo. E sempre in direzione dell’obiettivo di una maggior sicurezza del traffico e dei residenti vanno alcune recenti decisioni dell’amministrazione comunale centese retta dal sindaco Fabrizio Toselli.



Nelle frazioni di Reno Centese (lungo via Chiesa e via Salvi) e di Renazzo (in via Tassinari) sono stati realizzati dossi artificiali, la cui finalità è rallentare il traffico di marcia dei veicoli; peraltro in coincidenza di un attraversamento pedonale, nel caso di Reno Centese. Sempre in corrispondenza dei dossi è stata posizionata la segnaletica (operazione spettante a Cmv Servizi) che indica il limite di velocità massima paria 30 chilometri orari. —