Ferrara.press

Tutte le notizie su Ferrara e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Ferrara, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Ferrara, tre assessori al campo rom. Lodi: «Si va verso la chiusura»


FERRARA. Un weekend dedicato a presenze di rappresentanza e agli ultimi festeggiamenti per la vittoria delle elezioni, poi subito operativi. Il sindaco Alan Fabbri e la sua giunta sabato sono passati dalla cena alla Sagra delle vongola di Goro al pranzo domenicale dei ringraziamenti per le frazioni a Masi San Giacomo. Ancora sabato il vicesindaco Nicola Lodi e l'assessore Dorota Kusiak erano in piazza Trento Trieste, a Ferrara, per l'iniziativa contro le truiffe agli anzianji promossa da Confartigianato, mentre domenica l'assessore Andrea Maggi ha presenziato alle premiazioni del Memorial Dino a Cona, organizzato dall'associazioni Ali del vento. Ma con l'arrivo della nuova settimana ha segnato il cambio di passo, l'inizio del lavoro vero e proprio della giunta.



IL SOPRALLUOGO



Così questa mattina, lunedì 24 giugno, il vicesindaco Nicola Lodi, insieme all'assessore ai Servizi Sociali Cristina Coletti, all'assessore ai Lavori pubblici Andrea Maggi, ai tecnici del Comune di Ferrara e agli ispettori dell'Ausl di Ferrara hanno visitato il campo nomadi di via delle Bonifiche.



Il vicesindaco Nicola Lodi durante l'ispezione al campo rom




«Per il campo nomadi - ha affermato il vicesindaco Lodi - troveremo una soluzione a breve. Non parliamo di sgomberi, ma di soluzioni definitive per una situazione difficile in cui non possono vivere bambini, anziani e ammalati. E' necessario intervenire subito e, inevitabilmente, andremo verso la chiusura del campo, che presenta situazioni insostenibili dal punto di vista sanitario e igienico».



Servizi igienici fatiscenti al campo rom




«La visita serve ad avviare verifiche e precise anche su chi effettivamente staziona nell'area e sulle condizioni di vita dei minori», ha aggiunto l'assessore Cristina Coletti.



«Alla visita hanno partecipato anche i tecnici di Comune per la verifica degli impianti idrici, elettrici e di sicurezza - spiega l'assessore Andrea Maggi -, a cui farà seguito un verbale su cui ci baseremo per assumere le dovute decisioni».



IN COMUNE



 Nel frattempo in Municipio si è proceduto alle verifiche straordinarie di cassa a seguito del cambiamento della figura del sindaco. Il responsabile comunale del servizio finanziario, Piera Pellegrini, ha coordinato le operazioni di verifica alla presenza del collegio dei revisori, del segretario generale Ornella Cavallari, del nuovo sindaco Alan Fabbri, del sindaco uscente Tiziano Tagliani, del neo assessore al bilancio e contabilità Matteo Fornasini, nonché dei funzionari dell'istituzione servizi educativi.



Il saldo di cassa del Comune presso la tesoreria Bper alla data del 9/6/19 ammonta a 48.131.783,21 euro.



Nell'occasione, sul tema della gestione delle risorse finanziarie comunali, è stato evidenziato che il Comune di Ferrara non ha mai fatto ricorso alle anticipazioni di cassa del tesoriere; ha sempre rispettato i vincoli di finanza pubblica del patto di stabilità e del pareggio di bilancio; è stata effettuata entro il 30/4/19 la ricognizione/comunicazione sulla Pcc (piattaforma dei crediti commerciali) dello stock di debito commerciale residuo al 31/12/18, come previsto dalla legge di bilancio 2019 (legge n. 145/2018). Infine, il Comune di Ferrara paga i propri fornitori rispettando i termini dei 30 giorni, come previsto dalla normativa europea.



 


Ferrara.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza