Ferrara.press

Tutte le notizie su Ferrara e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Ferrara, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Solaroli (Lega) offre lavoro alla Ferraresi: "Però poi ti togli dai..."


Ferrara, l'audio del leghista Solaroli che offre alla consigliera un lavoro fisso in cambio di dimissionifoto da Quotidiani localiQuotidiani locali



FERRARA. «C’è un’opportunità: un posto di lavoro importante, in Comune, dipendente comunale a tempo indeterminato a 1.400 euro al mese, con 14esima. Ti piace?». La frase è di Stefano Solaroli, vicecapogruppo comunale della Lega, ed è rivolta ad Anna Ferraresi, all’epoca (è il 19 novembre) consigliere comunale della stessa Lega, con la quale il vicesindaco Nicola Lodi avrà uno scontro aperto per il suo “iperattivismo” istituzionale e che di recente è passata al gruppo misto.



[[(gele.Finegil.Image2014v1) CONSIGLIO COMUNALE FERRARA]]



Fa parte, questa frase, di una conversazione registrata in audio dal telefonino di Ferraresi, il cui fine, da quanto dice lo stesso Solaroli, è di liberarsi della consigliera, «tu sei una rompi***, ti togli dai *** perché sai che la cosa è incompatibile»: in pratica, accetti il lavoro e ti dimetti. La consigliera ha rivelato il contenuto della registrazione alle telecamere de La7, che ha preannunciato un servizio per l’edizione di Piazzapulita in onda questa sera. Ferraresi qualche giorno dopo rifiutò l’offerta e in seguito uscì allo scoperto la rottura con Lodi. Il posto di lavoro di cui parla Solaroli è hostess per il trenino turistico da qualche mese in funzione in città, e tra parentesi non è nemmeno un posto pubblico, in quanto il servizio è privato e dovrà essere messo a bando.



CONSIGLIO COMUNALE FERRARA



Il vicecapogruppo della Lega fa tra l’altro esplicito riferimento ad un assenso all’operazione da parte di Lodi e dello stesso sindaco Alan Fabbri, che hanno anticipato di essere estranei ai fatti e annunciano una nota ufficiale in merito. Attacchi da tutta l’opposizione, con il candidato governatore M5s, Simone Benini, che parla di fatto «inquietante e gravissimo. Se le accuse dovessero essere confermate ci troveremmo di fronte a una situazione in cui la politica utilizza il Comune come un ufficio di collocamente per beghe e lotte interne di partito». Aldo Modonesi, capogruppo Pd, chiede le dimissioni di Solaroli e una netta presa di distanza da Fabbri e Lodi. Mario Zamorani (+Europa) vuole portare la vicenda in Procura.



 


Ferrara.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza