Ferrara.press

Tutte le notizie su Ferrara e dintorni

Cerca e leggi le ultime Notizie su Ferrara, Emilia Romagna e dintorni via Rss

News dai principali organi di informazione in costante aggiornamento

Studenti apprendisti e poi il posto sicuro


A scuola, ma con un contratto di lavoro in tasca. Confindustria Emila inaugura un modello formativo sperimentale che permetterà a 30-40 studenti di frequentare il quarto e il quinto anno delle superiori ed essere contestualmente assunti da circa 30 aziende delle province di Bologna, Ferrara e Modena. Si tratta di un progetto sull'apprendistato di primo livello promosso dall'associazione in collaborazione con alcune scuole superiori sulla base dell'esperienza già in atto da alcuni anni con l'istituto superiore alberghetti di Imola e che dal prossimo anno scolastico si amplierà anche al Corni di Modena e al Taddia di Cento, in provincia di Ferrara. Gli studenti che parteciperanno al progetto sono stati selezionati dalle aziende, che potranno, in virtù delle  disponibilità espresse e del profilo che verrà fornito dalla scuola, procedere alla loro assunzione con contratti di apprendistato di primo livello con orario part-time per due anni (con possibilità prevista dalla norma di prolungare di un ulteriore anno dopo il diploma).



Nel dettaglio, l'organizzazione didattica prevede 680 ore per anno scolastico (il 65% del totale) di attività di formazione a scuola e 370 ore (il 35% del totale) di attività di formazione in azienda, con una retribuzione pari al 10% di quella dovuta con un contratto di apprendistato. In aggiunta, qualora ci sia intesa tra le parti, al termine dell'anno scolastico i ragazzi potranno svolgere ulteriori settimane (almeno cinque) di attività lavorativa con una retribuzione compresa tra il 65 e il 70% di quella di riferimento spettante per il livello di inquadramento. «L'iniziativa è stata accolta con entusiasmo dal nostro collegio docenti, perché può motivare i ragazzi in maniera differente rispetto al solo insegnamento teorico. L'attività pratica in azienda consente di mettere in campo competenze trasversali e coltivare valori preziosi come la correttezza, l'autonomia e l'indipendenza», conclude Andrea Sardini, preside dell'istituto professionale Taddia di Cento.

 


Ferrara.press condivide questi Contenuti utilizzando una Licenza